• immagine principale post

FAQ [ef-ey-kyoo]*4 : Meglio la stampa litografica o la stampa digitale ?

Devi stampare poche copie di un folder per la forza vendita e il tuo fornitore di stampa lito ti ha chiesto un cifra esorbitante ?

Hai la necessità di avere una brochure per una fiera in pochi giorni ma la qualità deve essere altissima ?

Stai preparando un convegno e per i materiali vorresti qualcosa di più professionale rispetto a quanto ti propone una copisteria ?

Queste sono le tipiche situazioni nelle quali ti puoi trovare a decidere se stampare in digitale o in litografia.

Partiamo intanto dal definire in modo semplice le due tecniche : 

Stampa Litografica : si tratta della stampa effettuata con macchine da stampa offset.

E' il metodo più comune e per anni è stato il più economico ed efficiente esistente sul mercato.

Per una panoramica veloce sulla stampa offset ti suggerisco di guardare questo breve filmato.

Stampa Digitale : si è affermata sul mercato in anni recenti sfruttando una tecnologia per certi versi simile a quella delle stampanti da tavolo (mi perdonino i tecnici ma almeno ci capiamo ) venendo incontro alla tendenza del mercato che chiede tirature sempre più ridotte in tempi sempre più brevi.

Anche in questo caso consiglio di vedere questa breve presentazione  

Il dilemma però resta irrisolto : quale è la tecnica di stampa più adatta alle mie necessità ?

La scelta deve tenere conto di alcuni fattori : 

  1. Qualità richiesta

  2. Quantità 

  3. Tempi di consegna

  4. Lavorazioni successive (finissaggi o fustellatura)

Per facilitare la tua decisione puoi utilizzare questa tabella semplificata :

 

Stampa digitale

Stampa Litografica

Qualità di stampa

 

 

Nitidezza immagine

★★★★

★★★★★

Sfumature

★★

★★★★★

Colori speciali

★★

★★★★

Colori metallizzati

NO

★★★★★

Regolazione colore

Limitata

Totale

Finissaggi consigliati

UV / Plastificazione

Nessuna limitazione

Quantità consigliate

Da 1 a 1.000 pz

Da 1.000 pz in poi

Tempi

Da 1 a 4 giorni

Oltre 5 giorni

Formato di stampa

Da A4 fino a 70 x 100

Da 35 x 50 fino a 120 x 160

Dati variabili

Si

No

 

Resta una questione da risolvere : quella dei costi.

La stampa digitale non ha costi fissi di avviamento ma ha un costo al foglio più alto rispetto alla stampa litografica.

Questo significa che la stampa litografica diventa competitiva quando raggiunge un numero di copie che permette di ammortizzare i costi di avviamento .

Questo di solito accade tra i 500 e i 1.000 pezzi ed è la ragione per la quale nella tabella ti ho suggerito di utilizzare la stampa digitale fino a queste quantità.

Se vuoi una efficace rappresentazione visiva guarda il grafico contenuto in questa pagina  gestita da Techiscribe Uk.

Proviamo allora a rispondere alle tre domande che hai trovato all'inizio del post .

Devi stampare poche copie di un folder per la forza vendita e il tuo fornitore di stampa lito ti ha chiesto un cifra esorbitante ? 

E' normale , dal momento che la stampa lito ha costi di avviamento più alti.

In questo caso la stampa digitale è quella più indicata.

Hai la necessità di avere una brochure per una fiera in pochi giorni ma la qualità deve essere altissima ?

Per quanto la qualità della stampa digitale abbia fatto passi da gigante negli ultimi anni la definizione resta inferiore a quella della stampa lito e quest'ultima ha ancora una nitidezza difficile da eguagliare. 

Stai preparando un convegno e per i materiali vorresti qualcosa di più professionale rispetto a quanto ti propone una copisteria ?

Se il costo che hai in mente è quello di una copisteria rassegnati al fatto di dover spendere di più e la stampa digitale diventa il miglior compromesso tra qualità e prezzo a copia.


P.S. Un cliente che sceglie di lavorare con me ha diritto a chiarezza , trasparenza , informazioni complete e documentate.

Solo così la tua scelta sarà pienamente soddisfacente e il nostro rapporto potrà durare negli anni.

Marco Rotondo

Marco Rotondo, 54 anni dei quali 30 passati tra packaging e materiale per il punto vendita. Tesi di laurea sul comportamento del consumatore, autore di numerosi workshop dedicati al visual merchandising e al packaging.